"Al massimo ribasso" | Recensione | Marco Di Stefano
15792
post-template-default,single,single-post,postid-15792,single-format-standard,custom-background,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
 

Recensione | Marco Di Stefano

Recensione | Marco Di Stefano

Marco Di Stefano curatore con Sergio Sasso di “Orizzonti-Il Nuovo Cinema Italiano” recensisce “Al Massimo Ribasso”…

“In un caldo 1 agosto alla Cittadella degli Artisti, laboratorio urbano di Molfetta (Ba), concludiamo la rassegna Orizzonti – Il nuovo cinema italiano con il film di Riccardo Jacopino “Al Massimo Ribasso”.

E’ un’opera che tiene lungo tutta la durata, senza annoiare mai gli spettatori presenti, forte di una solidità che ricorda il nostro miglior artigianato cinematografico (sceneggiatura, direzione degli attori, messinscena).

La scelta di far incontrare e scontrare la capacità di leggere l’altrui pensiero e la difficoltà ad esprimere il proprio verso il mondo che lo circonda, da parte del protagonista, è probabilmente l’aspetto più intrigante di un film che dimostra una compiutezza ed una maturità insolita per il nostro cinema medio (nella migliore accezione possibile), lasciando allo spettatore la possibilità di approcciare sotto angolature diverse (cinematografica, sociale, esistenziale) e di non risultare mai banale.

Un film che merita più attenzione, per un cinema alla ricerca di spazi e di un pubblico, ma aperto a tutti, mai chiuso e con uno sguardo alla nostra tradizione, ma con una visione europea e non provinciale.”